Revolt in France: What it’s like inside Yellow Vest protests

La protesta dei gilet gialli a Parigi, il 1 dicembre 2018

The Revolution that makes Europe shaking: Who are and what they want the French yellow vest

All of Europe fears a great popular revolution, and France is the first big alarm bell for the European System now in great crisis.
The Brexit was one of the first signs of this malaise of the low and middle class that, since the entry of the single European currency, have now joined in malaise and in the monetary and social crisis.
In Italy and in others European Countries, on the other hand, people are getting ready for the holidays, they think about football and betting, but when the burden on top the workers shoulders will be to heavy, maybe for many people will be to late to try to stand up again.

For weeks, so-called “Yellow Vest” protests have spread across France. Sparked by a proposed fuel price hike (which was quickly abandoned), the leaderless protests have revealed deep discontent: French people are fed up with the disconnect between themselves and the succession of governments and political parties. We are fed up with a state that seems to exist only for the benefit of the wealthy, the established, and elite. More than fuel prices, the Yellow Vests are now defending their dignity and insisting on a new social and fiscal agenda through demonstrations, slogans and rocks.

Without any clear direction or signal, the crowd starts moving, chanting slogans, insulting president Emmanuel Macron. We move forward without knowing where we were going, what we were looking for, or what to do. Our yellow vests are a symbol of grievance, demand, encouragement. They speak of an out-of-touch president, of those who gorge themselves on the country’s wealth, and of the few euros that remain in the hands of a nurse, a soldier, or shopkeeper. Confronted by the police vans and their helmeted troops, protestors chant “You too, are treated like dogs, you deserve better too.”

But as the police prevent the march from reaching city hall, frustration mounts. “Dirty rats, look at the cop, the dirty scab, he wanted to put on a yellow vest! Come on then, friend, come on!” Everyone mocks one small man, a supposed undercover cop, who slinks away.

When a gap opens in one blockade, the crowd streams through to the city center. Shoppers scatter at the Galeries Lafayette department store, the luxury boutiques, and the Place de la Libération, as the Marseillaise echoes on the storefronts. The day has finally begun. “Macron, resign! Macron, resignation!” the Yellow Vests shout. The march has swelled with people from all walks of life, intoxicated with their own power and the mulled wine sold along the street. Six thousand people are here, regional television will later report.

When we return again to the metal barricade that blocks access to the city hall, it is early evening. The police have gathered their vans and troops. One of them, speaking into a megaphone, asks the crowd to disperse. Some respond with projectiles. Tear gas begins to rain from the sky, and the people retreat, their eyes full of tears, before rushing in again with more songs, slogans and projectiles. Tear gas rains down again. And so on.

President Emmanuel Macron’s attempt to quell violent rioting across France by offering economic concessions to his countrymen — expected to cost the country $11 billion — appears to have been insufficient. Leaders of the “Yellow Vest” protest movement indicated Tuesday that Macron’s offers were not enough, as hundreds of students staged a “Black Tuesday” of protests over Macron’s education policies and voiced solidarity with the Yellow Vests.

Macron took to the national airwaves to address the spiraling crisis for the first time on Monday. He announced an increase in the minimum wage, tax cuts for retirees and other concessions aimed at calming the streets.

But CBS News correspondent Charlie D’Agata reported on Tuesday morning from Paris that another day of Saturday demonstrations — the mass-protests which have been seized upon by extremists of all stripes for four weeks in a row — still appeared on the cards.

A leader of the Yellow Vest movement indicated that the demonstrations would go ahead. Christophe Chalencon, a blacksmith from southern France who has become a leader of the protest movement, told the Reuters news agency that Macron’s peace offering was not enough.

The crisis began as protests against a planned fuel tax hike (which Macron has abandoned), but quickly mushroomed into a broad and visceral demonstration of anti-government resentment aimed squarely at the president, who is seen by many as being out of touch with the working French.

“Black Tuesday” for student protesters

The Yellow Shirt movement gained new support on Tuesday from another group of French citizens angry over changes brought in by Macron’s government: students.

There has been a fierce reaction from high school and university-aged students to new standardized testing policies, a lack of college enrolment places available to graduates, and new requirements for graduates to secure those places.

One student protesting in Paris on Tuesday, who gave only his first name, said he saw a “link” with the Yellow Vests over what he called “despair in the society.”

“On the part of students, we’re tired of not being listened to. There’s no chance to be listened to, we’re not being taken seriously. Our claims are not being taken seriously,” Dragan told Reuters. “The interest in the Yellow Vests is that if we go under the same banner, the more we are, the easier it will be to make each other heard and bring forward each other’s cause.”

Poche settimane fa i gilet gialli sono emersi dal nulla, grazie a Facebook, e hanno bloccato le strade di tutta la Francia. La rabbia scaturita per l’aumento delle tasse sul gasolio si è allargata fino a diventare una protesta contro il presidente Emmanuel Macron. “Alla fine del mese, semplicemente non posso permettermi di riempire il serbatoio della mia macchina”, “Non stiamo bloccando il traffico, semplicemente lo filtriamo”, “Non siamo ricchi, ma non siamo poveri. È un attacco alle classi medie che lavorano”. Questi sono solo una goccia nell’oceano di voci che si alzano contro il governo, contro il Sistema e contro le Lobby che ormai controllano e sottomettono i lavoratori.

Il primo giorno di proteste, il 17 novembre, sono scese a manifestare in tutto il paese circa 280mila persone che indossavano i gilet gialli. Una settimana dopo erano circa la metà. Ma una manifestazione a Parigi è degenerata quando alcune vetrine sono state distrutte sugli Champs-Elysées ed è stato dato fuoco ad alcune barricate. La plizia antisommossa ha disperso i manifestanti con cannoni ad acqua e gas lacrimogeni.
La Francia è abituata a manifestazioni di attivisti e all’uso dell’immaginario rivoluzionario: a una rotonda nel sud del paese i gilet gialli hanno portato una ghigliottina e un manichino di Macron. “Il giorno in cui il popolo ha preso d’assalto la Bastiglia non era chiaro quale fosse l’obiettivo”, ha dichiarato alla radio un deputato d’estrema sinistra. Ma la mancanza di una guida formale rende i gilet gialli imprevedibili e difficili da gestire.

Yellow Vests anti government protests with hundreds of demonstrators vandalizing cars, shops or public property, setting up road blocks on Champs Elysees
‘Gilets Jaunes’ protest, Paris, France – 08 Dec 2018

Cosa vogliono: le rivendicazioni dei gilet gialli

Le rivendicazioni dei “giubbotti gialli” vanno oltre la questione dei prezzi del carburante, è ufficiale.
Oggi è lo stesso movimento a fornire un elenco delle priorità, tra cui l’aumento del reddito minimo (smic in francese) a 1300 euro netti, ritorno al pensionamento a 60 anni e l’abbandono della ritenuta d’acconto. Tutti interventi che sembrano ormai necessari anche per l’Italia e per tutte le altre nazioni dell’Unione Europea.
La lista comprende molte misure sociali, ma anche interventi relativi al trasporto, come lo stop all’aumento delle tasse sul carburante e l’introduzione di una tassa sull’olio combustibile e sul cherosene marino.

Ecco l’elenco delle più importanti richieste fatte direttamente dai gilet gialli:

Zero poveri in strada: misura urgente

Vantaggio progressivo sulle imposte

Reddito minimo a 1300 euro netti

• Favorire i piccoli commerci delle città più piccole e del centro città per le metropoli. Contro i grandi centri commerciali

Un piano per migliorare l’economia domestica dell’energia per salvaguardare l’ambiente

• Tasse: le grandi multinazionali devono pagare tanto, i piccoli commercianti poco.

• Stesso sistema di sicurezza sociale per tutti, compresi gli artigiani e i lavoratori autonomi

Un sistema di pensioni sociale e sostenibile, niente pensione a punti

• Stop all’aumento delle tasse sul carburante

• Vietate le pensioni sotto i 1200 euro

• Qualsiasi rappresentante eletto avrà diritto al salario medio. Le spese di trasporto saranno monitorate e rimborsate se giustificate. Diritto ai buoni ristorante e buoni vacanza

• I salari di tutti i francesi, nonché delle pensioni e delle indennità devono tenere conto dell’inflazione

• Proteggere l’industria francese: proibendo il trasferimento all’estero.

• No al lavoro distaccato. È anormale che una persona che lavora in territorio francese non benefici dello stesso stipendio e degli stessi diritti.

• Per la sicurezza del lavoro: limitare ulteriormente il numero di contratti a tempo determinato per le grandi aziende. Vogliamo più tempi indeterminati.

• Fine del CICE. Usa questi soldi per il lancio di un’industria automobilistica francese ad idrogeno (che è veramente rispettosa dell’ambiente, a differenza della macchina elettrica).

• Fine della politica di austerità. Stiamo smettendo di rimborsare gli interessi sul debito dichiarato illegittimo e stiamo iniziando a rimborsare il debito senza prendere i soldi dai poveri e dai poveri, ma perseguendo gli $ 80 miliardi di evasione fiscale.

• Affrontare le cause della migrazione forzata.

• I richiedenti asilo sono trattati bene. Dobbiamo loro alloggio, sicurezza, cibo e istruzione per i minatori. Collaborare con l’ONU affinché i campi di accoglienza siano aperti in molti paesi del mondo, in attesa dell’esito della domanda di asilo.

• I richiedenti asilo non possono essere respinti nel loro paese di origine

• Implementare una vera politica di integrazione. Vivere in Francia significa diventare francese (corso di francese, corso di storia francese e corso di educazione civica con certificazione alla fine del corso)

• Salario massimo fissato a 15.000 euro

• Limitare la disoccupazione

• Aumento delle quote disabili nei posti di lavoro

• Limitazione del costo degli affitti. Più alloggi a basso costo (soprattutto per studenti e lavoratori precari).

• Divieto di vendere la proprietà statali(dighe, aeroporti)

• Mezzi migliori concessi al sistema giudiziario, alla polizia, alla gendarmeria e all’esercito. Che gli straordinari delle forze dell’ordine siano pagati o recuperati

• Tutto il denaro guadagnato dai pedaggi autostradali sarà utilizzato per la manutenzione di autostrade e strade in Francia e per la sicurezza stradale

• Poiché il prezzo del gas e dell’elettricità è aumentato per colpa della privatizzazione, vogliamo che diventi di nuovo pubblico e che i prezzi scendano in modo significativo

• Benessere per i nostri anziani. L’oro grigio è finito. Inizia l’era del benessere grigio

• Massimo 25 studenti per classe dalla scuola materna

• Risorse per la psichiatria

• Il referendum popolare deve entrare nella Costituzione

• Ritorno a un termine di 7 anni per il Presidente della Repubblica

• Pensionamento a 60 anni e, per tutti coloro che hanno avuto un lavoro manuale, diritto alla pensione a 55 anni

• Promuovere il trasporto di merci su rotaie

• Fine delle indennità presidenziali a vita

 

Quanto potranno durare dipende in parte dalla loro capacità a sopravvivere a un tentativo di trasformazione in un movimento più organizzato. Rivalità interne e obiettivi contrastanti potrebbero spaccare il movimento, e il sostegno pubblico potrebbe diminuire se il movimento si radicalizzasse. Questa settimana una delegazione ha incontrato il ministro dell’ambiente, François de Rugy. Ma la legittimità dei portavoce che stanno emergendo non è chiara.

 

Republica.it ; gulfnews.com ; qz.com
Translate into your language
Categories
ASH’s Newsletter

Comments
All comments.
Comments

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.

Let's stay connected...
You can do things that I can't do
and I can do things that you can't do, but together we can do great things.