Palm Sunday: Historical Truth

Palm Sunday: The entrance in Jerusalem

Palm Sunday is a Christian moveable feast that falls on the Sunday before Easter. The feast commemorates Jesus’ triumphal entry into Jerusalem, an event mentioned in each of the four canonical Gospels.

In most liturgical churches Palm Sunday is celebrated by the blessing and distribution of palm branches or the branches of other native trees representing the palm branches the crowd scattered in front of Christ as he rode into Jerusalem. The difficulty of procuring palms in unfavorable climates led to their substitution with branches of native trees, including box, olive, willow, and yew. The Sunday was often named after these substitute trees, as in Yew Sunday, or by the general term Branch Sunday.

Biblical basis and symbolism

In the accounts of the four canonical Gospels, Christ’s triumphal entry into Jerusalem takes place a week before his resurrection. Only the Gospel of John shows a timeline of the event, dated six days before the Passover (John 12:1).

Before this, Jesus talked to two of his disciples, taking to himself the ancient Greek word of Lord (Κύριος, trasl. Kýrios), written with a capital letter in the original text, as a proper noun.

The raising of Lazarus is mentioned only by the Gospel of John, in the previous chapter. The Eastern Orthodox Church and the Eastern Catholic Churches which follows the Byzantine Rite, commemorate it on Lazarus Saturday, following the text of the Gospel. In fact, the Jewish calendar dates begin at sundown of the night beforehand, and conclude at nightfall.

Christian theologians believe that the symbolism is captured prophetically in the Old Testament: Zechariah 9, 9 “The Coming of Zion’s King – See, your king comes to you, righteous and victorious, lowly and riding on a donkey, on a colt, the foal of a donkey”, which is quoted in the Gospels. It suggests that Jesus was declaring he was the King of Israel, to the anger of the Sanhedrin.

According to the Gospels, Jesus Christ rode a donkey into Jerusalem, and the celebrating people there laid down their cloaks and small branches of trees in front of him, singing part of Psalm 118, 25–26 – Blessed is He who comes in the name of the Lord. We bless you from the house of the Lord .

The symbolism of the donkey may refer to the Eastern tradition that it is an animal of peace, unlike the horse which is the animal of war. A king would have ridden a horse when he was bent on war and ridden a donkey to symbolize his arrival in peace. Jesus’ entry to Jerusalem would have thus symbolized his entry as the Prince of Peace, not as a war-waging king. Thus there have been two different meanings (or more levels of biblical hermeneutics): an historical meaning, truly happening according to the Gospels, and a secondary meaning in the symbolism.

In Luke 19:41 as Jesus approaches Jerusalem, he looks at the city and weeps over it (an event known as Flevit super illam in Latin), foretelling his coming Passion and the suffering that awaits the city in the events of the destruction of the Second Temple.

In many lands in the ancient Near East, it was customary to cover in some way the path of someone thought worthy of the highest honour. The Hebrew Bible (2 Kings 9:13) reports that Jehu, son of Jehoshaphat, was treated this way. Both the Synoptic Gospels and the Gospel of John report that people gave Jesus this form of honour. In the synoptics the people are described as laying their garments and cut rushes on the street, whereas John specifies fronds of palm (Greek phoinix). In Jewish tradition, the palm is one of the Four Species carried for Sukkot, as prescribed for rejoicing at Leviticus 23, 40.

Observance in the liturgy

In the Russian Orthodox Church, Ukrainian Orthodox Church, Ukrainian Catholic Church, Ruthenian Catholic Church, Polish, Bavarian and Austrian Roman Catholics, and various other Eastern European peoples, the custom developed of using pussy willow instead of palm fronds because the latter are not readily available that far north. There is no canonical requirement as to what kind of branches must be used, so some Orthodox believers use olive branches. Whatever the kind, these branches are blessed and distributed together with candles either during the All-Night Vigil on the Eve of the Feast (Saturday night), or before the Divine Liturgy on Sunday morning. The Great Entrance of the Divine Liturgy commemorates the “Entry of the Lord into Jerusalem”, so the meaningfulness of this moment is punctuated on Palm Sunday as everyone stands, holding their branches and lit candles. The faithful take these branches and candles home with them after the service, and keep them in their icon corner as an evloghia (blessing).

In Russia, donkey walk processions took place in different cities, but most importantly in Novgorod and, from 1558 until 1693, in Moscow. These were prominently featured in testimonies by foreign witnesses and mentioned in contemporary Western maps of the city. The Patriarch of Moscow, representing Christ, rode on a “donkey” (actually a horse draped in white cloth); the Tsar of Russia humbly led the procession on foot. Originally, Moscow processions began inside the Kremlin and terminated at Trinity Church, now known as Saint Basil’s Cathedral, but in 1658 Patriarch Nikon reversed the order of procession. Peter I in the 1720s, as a part of his nationalisation of the church, terminated the custom; it has been occasionally recreated in the 21st century.

Western Christianity

In ancient times, palm branches symbolized goodness and victory. They were often depicted on coins and important buildings. Solomon had palm branches carved into the walls and doors of the temple (1 Kings 6:29). Again at the end of the Bible, people from every nation raise palm branches to honor Jesus (Revelation 7:9).

Palm Sunday commemorates the entrance of Jesus into Jerusalem (Matthew 21:1–9), when palm branches were placed in his path, before his arrest on Holy Thursday and his crucifixion on Good Friday. It thus marks the beginning of Holy Week, the final week of Lent.

In the Roman Catholic Church, as well as among many Anglican and Lutheran congregations, palm fronds (or in colder climates some kind of substitutes) are blessed with an aspergillum outside the church building in an event called the “blessing of palms” if using palm leaves (or in cold climates in the narthex when Easter falls early in the year). A solemn procession also takes place, and often includes the entire congregation.

In the Catholic Church and the Episcopal Church, this feast now coincides with that of Passion Sunday, which is the focus of the Mass which follows the palms ceremony. The palms are saved in many churches to be burned on Shrove Tuesday the following year to make ashes used in Ash Wednesday services. The Catholic Church considers the blessed palms to be sacramentals. The vestments for the day are deep scarlet red, the colour of blood, indicating the supreme redemptive sacrifice Christ was entering the city to fulfill: his Passion and Resurrection in Jerusalem.

In the Episcopal and many other Anglican churches and in Lutheran churches, as well, the day is nowadays officially called “The Sunday of the Passion: Palm Sunday”; in practice, though, it is usually termed “Palm Sunday” as in the 1928 American Book of Common Prayer and in earlier Lutheran liturgies and calendars, to avoid undue confusion with the penultimate Sunday of Lent in the traditional calendar, which was “Passion Sunday”.

Interpretazioni

I rami di palma

In accordo con i Vangeli, Gesù il Cristo giunse a Gerusalemme su un asino, mentre molti della folla in festa stendevano sulla strada i propri mantelli e i rami di palma al suo passaggio, cantando alcuni versi:

Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore! 10 Benedetto il regno che viene, il regno di Davide, nostro padre! Osanna nei luoghi altissimi!
(Vangelo secondo Marco 11, 9)

Gesù invia due discepoli a prendere in prestito l’animale, dicendo loro di rispondere: “Il Signore ne ha bisogno, ma lo rimanderà qui subito” (Mc 11, 3-4 ; Lc 19, 31-34 ; Mt 21, 3).

La liturgia cattolica celebra l’evento cantando l’inno Osanna al figlio di Davide all’inizio della celebrazione.
L’ingresso di Gesù al Tempio avviene una settimana prima della sua resurrezione da morte di croce, e questo evento è descritto in: Matteo 21, 1-11 ; Marco 11, 1-11 ; Luca 19, 28-44 ; Giovanni 12, 12-18.
La Domenica delle Palme è uno dei pochi casi in cui il Vangelo secondo Giovanni è “più storico” dei sinottici ed è quello che fornisce l’elemento di datazione e di identificazione della folla (la stessa nei sette giorni):

1 Gesù dunque, sei giorni prima della Pasqua, si recò a Betania dove abitava Lazzaro, colui che era morto e che egli aveva risuscitato dai morti.

12 Il giorno seguente, una grande folla che era venuta alla festa, udito che Gesù veniva a Gerusalemme, 13 prese dei rami di palme e uscì incontro a lui, gridando: «Osanna! Benedetto colui che viene nel nome del Signore, il re d’Israele!».
(Vangelo secondo Giovanni Cap. 12, 1 & 12-13)

Sei giorni prima della Pasqua ebraica quindi, la folla dei Giudei che si preparava ed era radunata per il pellegrinaggio della festa di Sukkot, accorre a Betania dove si trovano Gesù e Lazzaro. Quindi, dato che la celebrazione della Pasqua Ebraica inizia nel giorno dello Shabbat (di Sabato), e nell’uso ebraico i giorni si contano dalla sera del giorno precedente al tramonto del successivo, il giorno indicato dall’Evangelista Giovanni come ingresso a Gerusalemme cade nel giorno di Domenica.

Quindi le palme a terra celebravano la regalità di Gesù, dato che in molte terre nel Vicino Oriente antico, era consuetudine coprire la terra percorsa da qualcuno ritenuto degno del più alto onore (2Re 9, 13). E anche nella tradizione ebraica, la palma è una delle specie di alberi maestose, portate in processione per la festività di Sukkot, settimana di gioia e ringraziamento prescritta da DIO secondo Levitico 23, 40 dopo il raccolto di primavera.
Nelle zone in cui vi è scarsità o assenza di piante di palma native, i rami di palma sono sostituiti da rami di ulivo, in alcuni paesi tra cui l’Italia, oppure da fiori e foglie intrecciate, come nell’Europa settentrionale.

L’arrivo sull’asino

I Vangeli riportano che il Messia arrivò in sella ad un’asino, così che si compissero le Scritture, come sta scritto nel Libro del Profeta Zaccaria al Capitolo 9, 9-10:

9 Esulta grandemente, o figlia di Sion, manda grida di gioia o figlia di Gerusalemme! Ecco, il tuo re viene a te; egli è giusto e porta salvezza, umile e montato sopra un asino, sopra un puledro d’asina.
10 Io farò scomparire i carri da Efraim e i cavalli da Gerusalemme; gli archi di guerra saranno annientati. Egli parlerà di pace alle nazioni; il suo dominio si estenderà da mare a mare, e dal Fiume fino all’estremità della terra.

Un asino e non un cavallo come animale da soma, anche nelle tradizioni e nella prassi militare dell’antico oriente era identificato come un animale pacifico, mentre il cavallo era un animale da guerra (come ad esempio riporta il Profeta Geremia nei capitoli 4 e 6).
Pertanto, Gesù entra a Gerusalemme come il profetizzato Messia, il Re di Israele e Principe della Pace:

“Non sono venuto per giudicare il Mondo, ma per salvarlo”
(Gv 12,47)

Osservazioni

Si è perso molto nella tradizione Cristiana, e molto si è cambiato, ma il rincrescimento più grande non concerne il rito, dato che ognuno ha il diritto di mantenere le tradizioni che vuole e di celebrarle nella miglior maniera che ritiene opportuna. La vera preoccupazione riguarda gli insegamenti, la dottrina. In un giorno così importante (l’entrata al Tempio di Gesù il Messia) sarebbe stato opportuno sottolineare la storia, e gli insegnamenti raccontati dai Vangeli, che la giornata di armonia, spesso ipocrita, tra la Chiesa e le famiglie Cristiane.

Si possono apprendere almeno cinque avvenimenti fondamentali in questa specifica parte di storia collegata alla Domenica delle Palme, ma per la dottrina Cristiana odierna, sembrano siano stati ormai superati o dimenticati:

1 La rivoluzione Liturgica

Christ driving the money changers from the Temple

12 Poi Gesú entrò nel Tempio di DIO, ne scacciò tutti coloro che nel Tempio vendevano e compravano, e rovesciò le tavole dei cambiavalute e le sedie dei venditori di colombi.
13 E disse loro: “Sta scritto: La Mia Casa sarà chiamata casa di preghiera ma voi ne avete fatto un covo di ladri”.
14 Allora vennero da lui nel Tempio ciechi e zoppi, ed egli li guarí.
15 Ma i capi dei sacerdoti e gli scribi, viste le meraviglie che egli aveva fatto e i fanciulli che gridavano nel tempio dicendo: “Osanna al Figlio di Davide!”, ne furono indignati,
16 e gli dissero: “Senti tu ciò che questi dicono?”. Gesú disse loro “Sí! Non avete mai letto: ‘Dalla bocca dei bambini e dei lattanti, tu ti sei procurato lode'”.
(Matteo Cap. 21)

La cacciata dal Tempio dei peccatori rappresenta il cambio di rotta dottrinale, la rivoluzione (da “rivoluzione” in latino revolutio -onisrivolgimento, ritorno“), ovvero il ritorno alla Fede pura, quella che si perse allora, e quella che si sta perdendo sempre più oggi.

2 La morte dei peccatori

18 La mattina, ritornando in città, ebbe fame.
19 E vedendo un fico lungo la strada, gli si avvicinò, ma non vi trovò nulla se non delle foglie; e gli disse: “Non nasca mai piú frutto da te in eterno!”. E subito il fico si seccò.
20 E, vedendo ciò, i discepoli si meravigliarono e dissero: “Come mai il fico si è seccato all’istante?”.
21 E Gesú, rispondendo, disse loro: “In verità vi dico che se avete fede e non dubitate, non solo farete ciò che io ho fatto al fico, ma se anche diceste a questo monte: ‘Levati di lí e gettati nel mare’ ciò avverrà.
22 E tutto ciò che chiederete in preghiera, avendo fede, lo otterrete”.
(Matteo Cap. 21)

La maledizione del fico rappresenta, a prima vista, un’azione difficile da capire. Dato che non era la stagione giusta, la mancanza dei frutti non era colpa del fico, tuttavia si tratta di un’azione simbolica tipica dei profeti, con cui Gesù vuole dare un insegnamento spirituale: condannare una religiosità vecchia, sorpassata e solo esteriore, simboleggiata solo dalle foglie, ma senza i frutti (le cerimonie e le prediche, ma senza le opere e i frutti).

3 La vittoria dei Giusti

41 Essi gli dissero: “Egli farà perire miseramente quegli scellerati, e affiderà la vigna ad altri vignaioli, i quali gli renderanno i frutti a suo tempo”.
42 Gesú disse loro: “Non avete mai letto nelle Scritture: ‘La pietra che gli edificatori hanno rigettata è divenuta la testata d’angolo. Questa è opera del SIGNORE, ed è meravigliosa agli occhi nostri?'”.
43 Perciò io vi dico che il Regno di DIO vi sarà tolto e sarà dato a una gente che lo farà fruttificare.
(Matteo Cap. 21)

Il Tempio verrà dato a coloro che genereranno frutti, questa è una promessa Divina, e tutte le Promesse saranno portate a compimento. Il Messia ne è consapevole, e non si preoccupa di rischiare la vita per dimostrarlo alle genti.

4 La Verità rimane in eterno

45 I capi dei sacerdoti e i farisei, udite le sue parabole, si avvidero che parlava di loro.
46 E cercavano di prenderlo, ma temettero le folle, perché lo ritenevano un profeta.
(Matteo Cap. 21)

Si prese la decisione di uccidere Gesù perchè il suo pensiero ed il suo sapere era troppo scomodo per le istituzioni. Un uomo che affermava di essere Figlio di DIO (così come il Salmo 82 afferma al versetto 6), ma che eleggeva anche tutti gli altri “retti di cuore”, pregando infatti dicendo “PADRE nostro”, e non “PADRE mio”. Un uomo che è stato disposto a morire per la Verità, ma purtroppo, ieri come oggi, la Verità è sempre stata di intralcio ai piani dei governatori, una minaccia per coloro che credono sia loro dovuto predominare ed amministrare i deboli, invece che istruirli. Ma i malvagi non considerano una cosa, il corpo può morire, ma quello che non si può uccidere è l’Anima, il pensiero e l’operatodi Gesù è sempre più presente nel Mondo, e questo sarà per sempre, fino all’Era Messianica.

Gesù, il nostro grande maestro della Fede è oggi vivo più che mai, e non per lo sventolamento di un ramo di ulivo, ma grazie al divulgare il suo pensiero.

5 Tramandare gli insegnamenti

Nessuno dovrebbe limitarsi a celebrare una festa solo per tradizione, e senza nemmeno conoscerne il significato. I nostri figli e le generazioni future potranno prosperare solo in presenza di Conoscenza:

6 Il mio popolo perisce per mancanza di conoscenza. Poiché tu hai sdegnata la conoscenza, anch’Io sdegnerò d’averti per sacerdote; giacché tu hai dimenticata la Legge del tuo DIO, anch’Io dimenticherò i tuoi figliuoli.
(Osea 4, 6)
La Bibbia comanda proprio questo nella Legge, appena dopo l’elenco dei 10 Comandamenti, richiama alla memoria di quanto sia importante ricordare ed insegnare ai propri figli:
1 Questi sono i Comandi, le Leggi e le norme che il SIGNORE vostro DIO ha ordinato di insegnarvi, perché li mettiate in pratica nel paese in cui state per entrare per prenderne possesso; 2 perché tu tema il SIGNORE tuo DIO osservando per tutti i giorni della tua vita, tu, il tuo figlio e il figlio del tuo figlio, tutte le Sue Leggi e tutti i Suoi Comandi che io ti dò e così sia lunga la tua vita. 3 Ascolta, o Israele, e bada di metterli in pratica; perché tu sia felice e cresciate molto di numero nel paese dove scorre il latte e il miele, come il SIGNORE, DIO dei tuoi padri, ti ha detto.
4 Ascolta, Israele: il SIGNORE è il nostro DIO, il SIGNORE è Uno. 5 Tu amerai il SIGNORE tuo DIO con tutto il cuore, con tutta l’anima e con tutte le forze. 6 Questi Precetti che oggi ti dò, ti stiano fissi nel cuore; 7 li ripeterai ai tuoi figli, ne parlerai quando sarai seduto in casa tua, quando camminerai per via, quando ti coricherai e quando ti alzerai. 8 Te li legherai alla mano come un segno, ti saranno come un pendaglio tra gli occhi 9 e li scriverai sugli stipiti della tua casa e sulle tue porte.
10 Quando il SIGNORE tuo DIO ti avrà fatto entrare nel paese che ai tuoi padri Abramo, Isacco e Giacobbe aveva giurato di darti; quando ti avrà condotto alle città grandi e belle che tu non hai edificate, 11 alle case piene di ogni bene che tu non hai riempite, alle cisterne scavate ma non da te, alle vigne e agli oliveti che tu non hai piantati, quando avrai mangiato e ti sarai saziato, 12 guardati dal dimenticare il SIGNORE, che ti ha fatto uscire dal paese d’Egitto, dalla condizione servile. 13 Temerai il SIGNORE DIO tuo, lo servirai e giurerai per il Suo Nome.
(Deuteronomio 6)

 

Tags: , ,

Comments are closed.